Matteo Mezzadri

Parma, 1973


Matteo Mezzadri nasce a Parma nel 1973, dopo una laurea in Scienze politiche e un master in design della comunicazione al Politecnico di Milano, si dedica completamente alla ricerca artistica e alla fotografia che inizia a praticare come assistente presso gli studi di diversi, importanti fotografi. Negli anni Duemila la sua poetica si concentra sul concetto di Architettura dei legami, con una particolare attenzione alle grandi metropoli contemporanee e alle complesse dinamiche relazionali che le caratterizzano. Nel 2012 inizia la serie fotografica intitolata “Le città minime”, lavoro esposto per la prima volta al MIA di Milano e poi in numerosi musei e rassegne in Italia e all’estero. La serie fotografica riceverà diversi premi e riconoscimenti tra i quali il Sony World Photography Awards nel 2014. Matteo Mezzadri ha esposto in numerose mostre personali e collettive in gallerie private e prestigiosi musei Italiani e stranieri, tra i più importanti si ricordano: PAC- Ferrara (2010), PECCI, Prato (2012 e 2015), PAV- Tornino (2012), La Fabbrica del Vapore, Milano (2012), CAMeC, La Spezia (2013), Somerset House, Londra, UK (2014), ARCA, Vercelli (2016), Casa del Mantegna, Mantova (2016), Plastic Cultural Park, Pechino (2016), Museo Archeologico Nazionale di Venezia (2018), Palazzo del Lombillo, l’Avana - Cuba, (2018), Museo Paranaense, Curitiba, Brasile (2019), Centro Hispanoamericano di cultura, L’Avana - Cuba (2019)


Non disponibile